it
it

Nell’uovo di Pasqua la Viola trova due punti che valgono la salvezza! Ragusa si arrende al PalaCalafiore 75-70, sogno playoff più vivo che mai!

Vittoria, salvezza e tasto ON sul sogno playoff. Coach Bolignano e i suoi ragazzi si regalano una serena Pasqua dopo l’importante vittoria maturata oggi su Ragusa al PalaCalafiore per 75-70, al termine di una sfida che ha viaggiato sui binari dell’equilibrio per larghi tratti, spezzato però nel terzo periodo, tutto ad appannaggio dei neroarancio. Vani i tentativi di rimonta siculi negli ultimi minuti, con il finale che premia i nero arancio

PRIMO QUARTO

Avvio equilibrato al PalaCalafiore fra Viola e Ragusa, con i locali che distribuiscono in maniera equa il loro fatturato offensivo, a differenza di una Ragusa che si affida principalmente all’estro di Andrea Picarelli, autore di ben 13 punti sui 19 del Kleb nel primo quarto (circa il 70% del fatturato offensivo). Per la Viola i punti invece saranno 16, a un solo possesso pieno di svantaggio dalla Virtus.

SECONDO QUARTO

Secondo quarto sulla falsa riga del primo nel maxi impianto reggino, con ritmi però decisamente più bassi rispetto ai primi dieci minuti. A fotografare il momento no al tiro di calabresi e siciliani sono i rispettivi 2/13  e 2/12 dall’arco dei 6,75 per le due squadre, con una delle poche differenze al tiro di giornata che per il momento arriva solo a cronometro fermo, dove la Viola dalla lunetta va decisamente peggio rispetto a Ragusa, con un povero 3/8 ai liberi. All’intervallo lungo il tabellone luminoso del PalaCalafiore recita 31-33 per gli ospiti.

TERZO QUARTO

Al rientro dall’intervallo lungo cambia totalmente la musica sul parquet, con i padroni di casa autori di un terzo quarto ai limiti della perfezione su entrambi i lati del campo. Finisce 30-13 per i nero arancio, che sono avanti di 15 dopo trenta minuti e mettono una prima mini ipoteca sulla partita.

QUARTO QUARTO

Partita finita? Tutt’altro. Nel quarto e ultimo periodo l’inerzia passa tutta dalla parte della Virtus Ragusa, con gli uomini di Coach Bocchino capaci di rientrare fino al -3 grazie a un secco 0-12 di parziale. Il songo rimonta siciliano viene però infranto da una Viola che torna a stringere le maglie in difesa e con un canestro di Balic prima e i due liberi di Gaetano poi mette in ghiaccio la partita. Finirà 75-70 per la Viola al PalaCalafiore. Possono far festa i reggini, la salvezza è aritmetica e il sogno playoff è ancora vivo. Sconfitta comunque indolore per una mai doma Ragusa, che perdendo di 5 la sfida e conservando il vantaggio negli scontri diretti, può festeggiare a tre giornate dalla fine il raggiungimento dei playoff.

TABELLINO

Pall. Viola Reggio Calabria – Virtus Kleb Ragusa 75-70 (16-19, 15-14, 30-13, 14-24)
Pall. Viola Reggio Calabria: Franco Gaetano 20 (8/9, 0/0), Yande Fall 14 (5/13, 0/0), Amar Balic 12 (4/9, 0/6), Federico Ingrosso 12 (3/9, 2/6), Bruno giuseppe Duranti 10 (2/2, 2/5), Lazar Kekovic 5 (1/1, 1/5), Fortunato Barrile 2 (1/2, 0/0), Alberto Besozzi 0 (0/0, 0/0), Vittorio Lazzari 0 (0/0, 0/0), Samuele andrea Valente 0 (0/0, 0/0)
Virtus Kleb Ragusa: Andrea Picarelli 24 (7/9, 3/7), Mattia Da campo 14 (3/6, 2/5), Paolo Rotondo 12 (5/14, 0/3), Roberto Chessari 8 (1/3, 1/4), Giovanni Ianelli 4 (2/8, 0/3), Giorgio Canzonieri 3 (0/3, 1/3), Simon Ugochukwu andrew 3 (0/0, 1/1), Lucio Salafia 2 (1/1, 0/0), Fabio Stefanini 0 (0/3, 0/4), Tommaso Incremona 0 (0/0, 0/0), Vincenzo Festinese 0 (0/0, 0/0)

Leave a Reply