it

Il Gm Vita:”La Myenergy è motivatissima e vuole fortemente il PlayOff”

Momento clou.
La Myenergy chiama a raccolta la città di Reggio Calabria.
Domenica 21 aprile serve il pubblico delle grandi occasioni, per provare a spingere gli atleti di Coach Cigarini verso la qualificazione al PlayOff.
Abbiamo fatto il punto in compagnia del General Manager del club, Fortunato Vita.

Che momento è?

“Emozionante e particolarmente intenso.
Trovarsi a questo punto e giocarsi una fetta di campionato è stimolante e riscatta rispetto alle delusioni della passata stagione.
E’ una bellissima pagina da scrivere”.

C’è grande fermento, anche rispetto al passato, denoti un cambio di passo cittadino?

“Si, è la dimostrazione che, nonostante si parli di una quarta categoria, grazie alla struttura societaria, alle persone “perbene” che ci lavorano, ad un gruppo sportivo capace e coeso, abbiamo numeri importanti che, neanche squadre di B nazionale o di Serie A hanno. Tutto questo ci gratifica”.

Ci hai sempre creduto, anche prima della trasferta di Angri?

“Si, ed era un dispiacere non vedere tramutare tutti gli sforzi messi in campo dalla squadra, dal Coach e dall’intero staff tecnico.
Eravamo consapevoli che la “palla doveva girare”. Ha girato, adesso tocca a noi farci trovare pronti, in campo e sugli spalti”.

Prossimo avversario, Power Basket Salerno. Hai avuto modo di parlare con staff e squadra?

“Stiamo benissimo.
La squadra è motivatissima e vuole fortemente il PlayOff.
E’ palpabile la possibilità di farcela per qualcosa che appariva inarrivabile.
Salerno si giocherà le proprie carte perchè vuole migliorare il proprio piazzamento.
Dipenderà da noi.
Serve massima attenzione.
Dobbiamo crederci e giocare il prossimo incontro con la massima concentrazione”.

Le novità all’interno del Palacalafiore ed i lavori in corso. Come li valuti?

“Vado controtendenza in base a tutto quello che si legge in questi giorni.
Ha fatto bene il Comune di Reggio.
Occorreva fare questi interventi per un impianto storico che rappresenta un valore aggiunto per Reggio e non solo.
E’ un sacrificio e dobbiamo guardare l’aspetto positivo: la struttura verrà migliorata e ne siamo lieti.”

Il momento più bello della stagione?

“Credo debba ancora arrivare.Dal mio punto di vista lavorativo, dovrò crearlo nei prossimi update, attraverso lavoro e programmazione.
Ho l’onore di lavorare e raccogliere frutti di dirigenti sportivi eroici come Carmelo Laganà. Frutti tangibili che ho voglia di migliorare anche io.”

La riforma?

“Non mi piace.
Ho collaborato con la Lega quando c’era A,B,C e con Playoff, dettagli certi, inizio e fine, senza fronzoli.
Qui sembra un terno a lotto, senza punti di riferimento.
Il movimento cestistico deve migliorare su questo, migliorando nei campionati regionali con stabilità e certezza. Se riforma deve essere non ci possono essere continui cambiamenti che impediscono la stabilità e la programmazione”.

Un messaggio verso Reggio Calabria?

“Mi auguro e sono sicuro che Reggio risponderà presente.
I tifosi di basket, del mondo neroarancio e non solo.
Ritengo che Reggio Calabria sia una città cestistica e sono sicuro che la città ci sarà: ne trarrà beneficio anche il movimento provinciale e regionale.
Spero non sia l’ultima partita ma l’inizio di una nuova storia”.

Leave a Reply